Dog Walker, Pet Sitter and Pop in meals logo
Per consulenze e appuntamenti: 045 8032523

News

Depressione, fobie e ossessioni: terapie a Verona

Il dottor Marco Colafelice, specialista in psichiatria ed esperto nella cura delle affezioni a livello psicologico a Verona, invita tutti i pazienti a prendere consapevolezza di depressione, fobie e ossessioni: solo conoscendo la patologia psichica si possono acquisire gli strumenti giusti per riconoscerla e la capacità di affrontarla nel modo adeguato. 

Depressione: conoscerla per affrontarla

20-02-2017
La depressione è un’esperienza affettiva universale, connaturata all'essere umano. Si è arrivati ad affermare: finchè non si è provato ad essere depressi non si è davvero uomini! Essa rappresenta una delle modalità affettive con cui l’uomo si relaziona col mondo e gli permette di superare le frustrazioni, le delusioni e le perdite.
La depressione ondeggia tra normalità e patologia: può essere infatti un lutto (normale reazione alla perdita di una persona cara oppure ad una grave frustrazione) o una malattia (si differenzia dal lutto soprattutto per la durata, per l’intensità, per la sproporzione rispetto alla causa scatenante).
Ci si deve inoltre chiedere se esista un’unica forma di depressione, o se invece ne esistano varie forme diverse, che potrebbero avere cause diverse, richiedere trattamenti diversi. La depressione patologica, quella che arriva all'osservazione clinica, è diventato un problema così importante ai nostri giorni da occupare, tanto per citare un esempio, largo spazio nel primo numero del 2011 del mensile Previdenza Medica, rivista dell’Ordine Nazionale dei Medici Chirurghi, sempre molto attento, oltre ai problemi previdenziali della categoria, a tutti gli aspetti correlati con la salute dei cittadini. In quel numero è infatti comparso un articolo a firma di Matteo Di Paolo Antonio in cui si fa il punto sulla depressione: “Nel nostro paese circa il 10% della popolazione, circa 6 milioni di persone, viene colpita dal 'male di vivere', e, se consideriamo anche gli italiani che soffrono in silenzio, senza curarsi ed accettare la malattia, i numeri salgono vertiginosamente fino a 15 milioni". In prospettiva futura la situazione è destinata a peggiorare: per l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) nell’anno 2020 la depressione sarà la seconda malattia invalidante e la prima per diffusione nel mondo. A causa dei molti pregiudizi presenti nei confronti del disturbo depressivo solo il 25% dei malati consulta lo specialista competente, cioè lo psichiatra.
Il medico di famiglia è il primo che può constatare l’insorgere del disturbo, dato che è la prima figura professionale cui si rivolgono i cittadini che accusano malesseri, che sono in realtà una somatizzazione della depressione.” Quanto affermato è oltremodo importante perché esposto su una rivista non specialistica, che riguarda tutti i medici, e li sensibilizza quindi al problema. L’articolo così prosegue: “…Una ricerca pubblicata recentemente sul British Medical Journal svela che questa malattia si manifesta principalmente con diversi sintomi, che vengono all'osservazione nei seguenti ambulatori: gastroenterologia 54%, neurologia 50%, cardiologia 34%, reumatologia 33%, ortopedia 30%. Oltre il 50% dei pazienti depressi prova dolore: sintomi psichici e fisici sembrano essere strettamente collegati, per cui è necessario che i medici tutti siano particolarmente attenti ai disturbi psicofisici delle persone e tengano sempre presente nelle loro diagnosi e nei loro consigli terapeutici l’ipotesi sofferenza emotiva/sofferenza psichica.
La ricerca ha inoltre evidenziato che i giorni lavorativi persi da una persona affetta da depressione sono 7 volte superiori a chi non ne è affetto, sottolineando quindi l’importanza sociale del problema.
Il mensile riporta anche i dati di una recente indagine condotta dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (O.N.Da.) che ha messo in rilievo la scarsa fiducia delle donne verso i trattamenti della depressione: “Ben il 54% delle donne ritiene che la depressione sia addirittura più difficilmente curabile del tumore al seno!”. Un altro segno dell’importanza assunta dal “problema depressione” nel mondo d’oggi è rappresentato dal fatto che l’Associazione Psichiatrica Mondiale ha dedicato un intero numero della sua Rivista (il 3° del 2010) a tale fenomeno. Depressione: conoscerla per affrontarla con successo. 

M. Colafelice, Edizioni Libreria Cortina, Verona 2015.

Depressione e problemi psichici: per saperne di più chiama lo 
045 8032523

Share by: